Menu
stemma
 

Seguici su facebookfacebook

Il patrimonio bibliografico di pregio delle biblioteche del polo SBN Terra di Bari


EMEROTECA DIGITALE DELLA PUGLIA

La Biblioteca De Gemmis di Bari, in attuazione del Programma Operativo FESR PUGLIA 2007-2013, ASSE IV, LINEA 4.2, in qualità di ente capofila, ha realizzato un progetto di digitalizzazione e pubblicazione su web nella MAG TECA dell’ICCU di materiale bibliografico di pregio posseduto dalle biblioteche aderenti al polo SBN Terra di Bari, coinvolte nel progetto, secondo gli standard definiti dall'Istituto Centrale per il Catalogo Unico (ICCU), che riversate nella MAG TECA sono messe a disposizione degli utenti della rete attraverso il portale delle biblioteche italiane dedicato al digitale: www.internetculturale.it.

Collezioni

·         emeroteca digitale della puglia (1152 file digitali  della Biblioteca De Gemmis, 18.415 della Puglia)

·         storia locale. bari e il suo territorio (614 file digitali della Biblioteca De Gemmis, 10.019 del polo SBN di Bari)

 

EMEROTECA DIGITALE DELLA PUGLIA


La collezione Emeroteca digitale della Puglia comprende circa 900 testate di periodici posseduti dalle biblioteche pugliesi e digitalizzate dalle biblioteche capofila dei poli SBN all’interno del progetto finanziato dalla Regione Puglia nell'ambito del POR FESR 2007-2013.
Lo scopo è quello di presentare una selezione di periodici stampati in Puglia o comunque attinenti il territorio pugliese, nel periodo che va dagli inizi del 1800 fino alla metà del 1900 con alcune eccezioni che si spingono fino agli anni 2000.
La stampa locale, testimone preziosa della vita sociale, politica ed economica, è un patrimonio, talvolta anche raro, che va salvaguardato dall’usura ma anche ulteriormente valorizzato per permettere agli studiosi di storia locale e del Mezzogiorno di approfondire le tematiche meridionalistiche attraverso riviste che, pur trattando vari argomenti e con orientamenti politici diversi, evidenziano la caratteristica di voler investigare il passato della regione Puglia nella rievocazione storica delle sue vicende politiche, economiche e sociali, senza trascurare gli aspetti culturali ed artistici.
Di notevole interesse si segnalano all’interno della raccolta, oltre diversi fogli unici o comunque testate che ebbero vita breve, la storica testata stampata dal tipografo V. Vecchi Rassegna pugliese di scienze, lettere ed arti, ma anche la Rassegna tecnica pugliese, organo del Collegio degli ingegneri e degli architetti pugliesi, la Rivista di giureprudenza, il Giornale delle Puglie, il Giornale del Regno delle Due Sicilie, Puglia rossa organo della federazione socialista di Terra di Bari, il giornale umoristico Fanfulla.
Numerosi sono i periodici di interesse locale come L’Iride, Favilla, Altamura, La Sferza, Il circondario di Barletta, Noci gazzettino, Il Rubastino, Il faro di Vieste, il Gazzettino Dauno, il Giornale dell'Intendenza di Capitanata, l’Asso di bastone.
Si segnalano altresì diversi periodici napoletani, tra cui Poliorama pittoresco, Il Lucifero, Il Monitore napolitano, posseduti dalle biblioteche pugliesi e presenti nella collezione.

 

Istituti collegati: Biblioteca metropolitana Santa Teresa dei Maschi-De Gemmis - Bari; Archivio Biblioteca Museo Civico (A.B.M.C.) - Altamura; Biblioteca nazionale Sagarriga Visconti Volpi - Bari; Biblioteca della Fondazione Ettore Pomarici Santomasi - Gravina in Puglia; Biblioteca comunale Giovanni Panunzio - Molfetta; Biblioteca comunale mons. A. Amatulli - Noci; Biblioteca comunale Sabino Loffredo - Barletta; Biblioteca comunale Pasquale Testini - Ruvo di Puglia; Biblioteca provinciale Nicola Bernardini - Lecce; Biblioteca comunale Alessandro Minuziano - San Severo; Biblioteca comunale Ruggero Bonghi - Lucera; Biblioteca dell’Archivio di Stato - Foggia; Biblioteca diocesana - Foggia; Biblioteca p. Antonio Maria Fania da Rignano - San Marco in Lamis; Biblioteca provinciale La Magna Capitana - Foggia; Biblioteca civica Pietro Acclavio - Taranto; Biblioteca comunale Elena Dell’Antoglietta - Fragagnano; Biblioteca civica - Statte; Biblioteca comunale Piero Mandrillo - Pulsano.

LINK: http://www.internetculturale.it/opencms/opencms/it/collezioni/collezione_0111.html

   

STORIA LOCALE. BARI E IL SUO TERRITORIO


La collezione comprende circa 975 opere di 13 biblioteche del Polo SBN Terra di Bari, digitalizzate dalla Biblioteca Provinciale di Bari (ora Biblioteca Metropolitana De Gemmis) all’interno del progetto finanziato dalla Regione Puglia nell'ambito del P.O. FESR 2007-2013. Esse coprono diverse tipologie di materiale: testi antichi (tra cui 21 incunaboli), opere moderne, circa 70 manoscritti, 26 carte geografiche della Biblioteca Provinciale di Bari, datate tra il 1500 e il 1800 raffiguranti la Puglia e il Regno di Napoli e delle Due Sicilie, più numerose carte geografiche raccolte da Onofrio Bonghi e conservate a Palo del Colle. Tra i manoscritti si ricordano quelli del Fondo De Gemmis (di cui 41 digitalizzati), quello di Dionisio Ricchetti (1748) posseduto dall’omonima biblioteca, le Memorie storiche di Putignano scritte da Giovanni Casulli e presenti nella Biblioteca Comunale di Putignano, 3 trattati di teologia di Felice Leoni conservati dalla Biblioteca dei Cappuccini di Puglia e altri volumi provenienti dalle biblioteche dei vari conventi della Provincia religiosa cappuccina, protocolli notarili e platee relative a Palo del Colle e digitalizzati dalla Biblioteca Comunale “Giuliani”, i 18 mss musicali del fondo Festa conservati dall’A.B.M.C. di Altamura. Le opere antiche appartenenti alle biblioteche comunali di Barletta (di cui 10 cinquecentine e 1 incunabolo), Terlizzi (24 cinquecentine), Gioia del Colle, Putignano (2 cinquecentine), Ruvo di Puglia, dei Cappuccini di Puglia (1 incunabolo), i 17 incunaboli dell’A.B.M.C. di Altamura, dimostrano la ricchezza del patrimonio delle biblioteche pugliesi. Le opere moderne di fine’800-inizio’900 invece sono prevalentemente di storia locale, come ad esempio quelle edite dalla Tipografia dei Comuni Meridionali (poi Cressati) a Noci, e le circa 500 allegazioni giuridiche della Biblioteca Provinciale di Bari.

Di notevole interesse per la storia locale sono l’opera Memorabilia minoritica Prouinciae S. Nicolai Ordinis minorum regularis obseruantiae. Per a.r.p. f. Bonauenturam a Fasano, volume stampato a Bari dai tipografi Zanetti e Valeri nel 1656, importante per lo studio del francescanesimo pugliese; e la terza edizione napoletana di Historia della vita miracoli, traslatione, e gloria dell'illustrissimo confessor di Christo S. Nicolo il Magno arciuescouo di Mira, patrono, e protettore della citta di Bari. Composta dal padre Antonio Beatillo da Bari, del 1645 sulla vita di San Nicola e la traslazione delle reliquie del Santo da Myra a Bari, testimonianza del profondo legame che unisce la Città di Bari al culto di San Nicola.

 

Istituti collegati: Biblioteca provinciale Santa Teresa dei Maschi-De Gemmis - Bari; Archivio Biblioteca Museo Civico (A.B.M.C.) - Altamura; Biblioteca nazionale Sagarriga Visconti Volpi - Bari; Biblioteca provinciale dei Cappuccini di Puglia - Bari; Biblioteca della Fondazione Ettore Pomarici Santomasi - Gravina in Puglia ; Biblioteca comunale mons. A. Amatulli - Noci; Fondazione Biblioteca Gaetano Ricchetti - Bari; Biblioteca comunale Sabino Loffredo - Barletta; Biblioteca comunale Don Vincenzo Angelillo – Gioia del Colle;   Biblioteca comunale G. M. Giuliani - Palo del Colle; Biblioteca comunale Filippo De Miccolis Angelini – Putignano; Biblioteca comunale Pasquale Testini - Ruvo di Puglia; Biblioteca comunale Luigi Marinelli Giovene – Terlizzi.

LINK:  http://www.internetculturale.it/opencms/opencms/it/collezioni/collezione_0106.html

  

L’utente può accedere alle collezioni di suo interesse utilizzando  vari filtri di ricerca relativi alle opere (autore; titolo; dati editoriali; soggetto; ecc.) o alla particolare tipologia del materiale (lingua; tipo di documento; ecc.) oppure per Localizzazione e Agenzia.

fornitura di riproduzioni di documenti

DOCUMENT DELIVERY IN ENTRATA

La Biblioteca fornisce ai propri utenti regolarmente iscritti la possibilità di richiedere, tramite il bibliotecario addetto, ad altre biblioteche italiane documenti o parte di documenti, non posseduti dalla Biblioteca De Gemmis, in fotocopia o in formato elettronico nel rispetto della normativa vigente sul diritto d’autore: la Biblioteca declina ogni responsabilità in caso di uso diverso e difforme dalle leggi in vigore.

I costi per oneri di spedizione e riproduzione, a carico dell’utente, e i tempi di ricezione variano a seconda delle condizioni applicate dalle biblioteche alle quali si richiede il documento.

Per accedere al servizio l’utente dovrà compilare l’apposito modulo di richiesta presente nella sezione Modulistica biblioteca.

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

     

DOCUMENT DELIVERY IN USCITA

La Biblioteca offre alle altre biblioteche, unicamente per attività di studio dei propri utenti, il servizio di document delivery ovvero la fornitura di propri documenti o parte di documenti, articoli pubblicati su riviste, periodici, atti di convegno, miscellanee, in fotocopia b/n o in formato elettronico (pdf, jpeg) nel rispetto della normativa vigente sul diritto d’autore: la Biblioteca declina ogni responsabilità in caso di uso diverso e difforme dalle leggi in vigore.

Il servizio di D.D. è gratuito per le biblioteche con le quali sono state stabilite condizioni di reciprocità gratuita. Il servizio è erogato esclusivamente alle biblioteche. Sono esclusi da questo servizio i privati che, per poterne usufruire, dovranno rivolgersi alla propria biblioteca di riferimento. Le biblioteche possono inoltrare le richieste per e-mail ai seguenti indirizzi: 

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

I servizi di prestito interbibliotecario e document delivery sono interrotti per tutto il mese di agosto e dal 23 dicembre 2021 al 3 gennaio 2022

EMERGENZA COVID: per variazioni e aggiornamenti consultare avvisi sulla homepage e pagina facebook

PRESTITO LOCALE

Per accedere al prestito dei documenti della Biblioteca è necessario effettuare l’iscrizione al servizio in sede o da remoto tramite pagina riservata ai servizi SBN (effettuando l'autoregistrazione) o  tramite e-mail compilando l’apposito modulo presente nella sezione Modulistica biblioteca, previa esibizione di un documento d'identità valido (i minori di 16 anni devono avere l’autorizzazione di un genitore o di chi detenga la potestà genitoriale).

Procedura per utenti iscritti: effettuare la prenotazione del prestito tramite opac cliccando su "Richiedi" vicino alla collocazione del testo che si desidera consultare, utilizzando codice utente e password (se è il primo accesso il codice fiscale).

A ciascun utente si possono prestare contemporaneamente max 4 documenti.

I libri che, al momento della richiesta da parte dell’utente, siano in prestito possono essere prenotati.

Il prestito ha la durata massima di 30 giorni. In caso di necessità ed in assenza di prenotazioni il prestito può essere prolungato per un massimo di altri trenta giorni.

È di regola escluso dal prestito il materiale:

a) sottoposto a vincoli giuridici; b) soggetto a particolari tecniche di protezione; c) in precario stato di conservazione; d) periodico, sia in fascicoli sciolti che rilegato; e) miscellaneo legato in volume; f) di consultazione generale, ivi compresi i dizionari, le enciclopedie, i repertori catalografici e bibliografici, o considerato di rilevanza bibliografica, in rapporto alla specificità ed integrità delle raccolte. Sono altresì esclusi dal prestito i cataloghi delle mostre e le edizioni anteriori al 1935.

L’iscrizione al prestito si effettua nei seguenti orari: lunedì – venerdì: ore 09,00-13,00

I prestiti possono essere richiesti dal lunedì al venerdì ore 8.30-14.00 e dal lunedì al giovedì ore 15.00-18.00.

Il servizio è gratuito.

Il servizio di prestito locale è sospeso nel mese di agosto.

 Per informazioni: tel. 0805412596, Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 
 

PRESTITO INTERBIBLIOTECARIO IN ENTRATA (prestito di documenti richiesti ad altre biblioteche italiane per conto di utenti della Biblioteca De Gemmis)

E’ un servizio che provvede a recuperare presso tutte le biblioteche e gli istituti culturali italiani documenti non posseduti dalla nostra Biblioteca.

Le richieste vanno inoltrate utilizzando l’apposito modulo presente nella sezione Modulistica biblioteca.

Il lettore deve essere già iscritto ai servizi della Biblioteca.

La Biblioteca ha il compito di richiedere il documento presso la biblioteca individuata. I tempi di risposta circa la disponibilità del documento e di ricezione variano a seconda della biblioteca prestante.

L’utente viene informato tramite e-mail o telefono dell’arrivo in Biblioteca del documento per la consultazione, che può avvenire in sede o a domicilio con le modalità e i tempi di restituzione stabiliti dalla biblioteca prestante.

Il costo del servizio e le modalità di pagamento variano a seconda della biblioteca prestante; la ricevuta di avvenuto pagamento va consegnata contestualmente alla restituzione del documento presso la nostra Biblioteca.

ORARI: Il servizio è in funzione dalle ore 8.30 alle ore 13.30.

Per informazioni: tel. 0805412596, Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Il servizio di prestito interbibliotecario è sospeso nel mese di agosto e dal 23 dicembre 2021 al 3 gennaio 2022

 

PRESTITO INTERBIBLIOTECARIO IN USCITA (prestito di documenti della Biblioteca De Gemmis richiesti da altre biblioteche)

La Biblioteca concede in prestito il proprio materiale bibliografico ad altre biblioteche ed istituti culturali italiani. Le richieste possono pervenire mediante mail.

I documenti, se ritenuti prestabili (per tipologia, condizioni fisiche, rilevanza bibliografica) vengono spediti tramite posta raccomandata alla biblioteca richiedente.

Controllare comunque l'OPAC locale per verificare se il documento è prestabile.

La restituzione dovrà avvenire entro 30 giorni dalla ricezione (escluso singoli casi specifici segnalati di volta in volta).

 
N:B: Il servizio è temporaneamente gratuito, in regime di reciprocità gratuita.

Per informazioni e richieste: tel. 0805412596, Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo., Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Il servizio di prestito interbibliotecario è sospeso nel mese di agosto e dal 23 dicembre 2021 al 3 gennaio 2022

Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento del sito ed utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Leggi tutto...